Avanzato

Martedì, 9 Aprile, 2013 - 00:15

Di: Mauro Arpino

Per i più grandi …
Si tratta di un testo introduttivo che parla di storia, scienza e mitologia e di come -  lo abbiamo più volte ripetuto nel corso dei nostri incontri – siano comunque il pensiero e la creatività le vere chiavi per poter conoscere, interpretare e apprezzare il mondo che ci circonda.

Avanzato
Lunedì, 9 Gennaio, 2012 - 09:40
Ma come, un libro di religione? E che libro poi! E di che scrittore! Ma non avevate detto che CiBook era un’associazione che promuove la conoscenza e la cultura senza fini politici e religiosi?
Certo, e, per l’appunto, lo confermiamo.
Più passa il tempo e più mi rendo conto che, con buona pace di Karl Marx, non sono le religioni ma sono le ideologie ad essere l’oppio dei popoli.
Avanzato
Lunedì, 2 Gennaio, 2012 - 17:34

Del "perché leggo i classici":

 
E’ vero, lo ammetto: le mie letture sono molto orientate ai classici.
Confesso di aver letto per ben quattro volte i “Promessi Sposi” di A. Manzoni, qualcosa intorno alle diciotto l’”Amleto” e almeno sei il “Giulio Cesare di Shakespeare,  almeno un patio di  volte “Guerra e Pace” di Tolstoj e … va bene, ci siamo capiti.
Avanzato
Martedì, 20 Dicembre, 2011 - 22:49

Dal risvolto di copertina: "L’interpretazione del verbo essere è come una costante che attraversa tutto il pensiero linguistico dell’Occidente sin dalle prime opere di Aristotele. E nel suo dipanarsi si intreccia con la filosofia, la metafisica, la logica e perfino con la matematica, tanto che Bertrand Russell considerava il verbo essere una disgrazia per l’umanità.

Avanzato
Giovedì, 8 Dicembre, 2011 - 22:51

Dalla pagina della Springer: Nel 1609, quattrocento anni fa, Galileo Galilei punta il cannocchiale sulla Luna e inaugura la "nuova scienza". Nel 1969, quarant’anni fa, Neil Armstrong lascia la sua impronta sulla Luna e inaugura l’era della colonizzazione umana dello spazio. La Luna è l’oggetto cosmico più vicino alla Terra. Il suo satellite naturale. La sua compagna fedele. L’astro narrante. La Luna ci parla dell’universo fuori dalla Terra. Che, con Galileo, è diventato un universo conoscibile. E, con Armstrong, è diventato un universo fisicamente esplorabile.

Avanzato
Sabato, 7 Maggio, 2011 - 00:22
Quando ho finito di leggere l'ultima pagina di Corpi di Scarto, stavo attraversando in treno la campagna colorata da fiori e colture... Ho sempre amato i libri il cui trasporto non si limita al momento della lettura, ma che lasciano un segno, un messaggio sul quale riflettere anche quando si termina l'ultima pagina e si chiude il libro, non senza un briciolo di dispiacere.
Mi sono così trovato a guardare fuori dal finestrino la campagna scorrere, mentre pensavo e riflettevo sul segno lasciatomi dal racconto che avevo appena finito di leggere.
Avanzato