Poesia

Lunedì, 18 Novembre, 2013 - 10:57

Verso il mare della dimenticanza

Josif Brodskij

Ho un vago ricordo di come mi accostai a Iosif Brodskij.
Medio
Martedì, 24 Aprile, 2012 - 11:35

Per cominciare, un ringraziamento. Un grazie ad Eleonora della libreria Rinascita di Ascoli Piceno per avermi segnalato questo splendido "libricino" - ed uso il diminutivo solo in relazione al numero di pagine e non certo al contenuto.

Impegnativo
Lunedì, 9 Gennaio, 2012 - 09:40
Ma come, un libro di religione? E che libro poi! E di che scrittore! Ma non avevate detto che CiBook era un’associazione che promuove la conoscenza e la cultura senza fini politici e religiosi?
Certo, e, per l’appunto, lo confermiamo.
Più passa il tempo e più mi rendo conto che, con buona pace di Karl Marx, non sono le religioni ma sono le ideologie ad essere l’oppio dei popoli.
Avanzato
Giovedì, 22 Dicembre, 2011 - 22:41

Dalla pagina su IBS leggo: Ivan Il'ic ha una vita soddisfacente, una buona carriera, una vita familiare e sociale apparentemente appagante. Nel nuovo appartamento di Pietroburgo, città in cui si è trasferito dopo una promozione, cade da uno sgabello, sistemando una tenda, e prende un colpo al fianco. Il dolore provocato dalla caduta diventa, nei giorni, sempre più forte e tutte le cure si rivelano inutili. Il pensiero della morte gli fa riconoscere la falsità della sua vita, di chi lo circonda, dei suoi apparenti successi.

Medio
Giovedì, 8 Dicembre, 2011 - 22:28

Come i “Promessi Sposi”?
Ma stai scherzando?
Ecco, appunto, “I Promessi Sposi”.
Qualche mese fa mi trovavo in libreria. Davanti ad uno degli scaffali di autori considerati “classici” ascoltavo due ragazzine di un’età, per quello che intuivo, tra i dodici e i quattordici anni, che discutevano di libri che avevano letto e sui quali si scambiavano consigli. Uscivano nomi come Conrad, Wilde, c’era un Tomasi di Lampedusa, Twain ma anche Calvino, Hugo e Pirandello.

Lo confesso, ero piuttosto stupito: “con ‘sti chiari di luna!”…

Medio
Giovedì, 6 Gennaio, 2011 - 15:37

La peculiarità del rapporto tra cielo  ed umanità è forse quello di  aver aperto la strada a sviluppi e manifestazioni che, più che in ogni altro ambito, hanno coinvolto tutte possibilità espressive di cui l’umanità si è dimostrata capace nel corso della sua storia ed evoluzione (ma anche involuzione) e cioè scienza, letteratura, arti figurative, filosofia: in una parola, la sua cultura.

Medio